Scorse edizioni

Essere controcorrente

in onda venerdì 23 luglio 2010 alle 23.30

    » Segnala ad un amico

    Essere controcorrente non è una cosa facile: ci vuole coraggio, determinazione, intelligenza e un sogno, un sogno da raggiungere ad ogni costo. Per gli atleti il sogno e’ vincere, per entrare nella storia. In questa puntata raccontiamo di sportivi che hanno messo il sogno davanti a tutto, a volte l’hanno raggiunto, a volte no, ma per perseguirlo sono spesso andati contro corrente.

    Come Hristo Stoichkov, l’ex stella del Barcelona che gli italiani ricordano anche per una sua fugace apparizione con la maglia del Parma, il quale nonostante sia nato in un paese dalle scarse tradizioni calcistiche, come la Bulgaria, è riuscito a vincere il Pallone d’oro, primo e unico bulgaro della storia ad ottenere questo riconoscimento.

    Poi raccontiamo attraverso un’intervista esclusiva la storia di Jurgen Sparwasser, il tedesco dell’Est che segnò un gol alla Germania Ovest durante i Mondiali del 1974, in piena guerra fredda e che divenne, suo malgrado, un eroe nazionale.

    Quest’anno, inoltre, Sfide racconta le storie di uomini che spesso hanno vissuto all’ombra dei grandi atleti, ma che negli ultimi tempi, invece, si stanno ritagliando sempre più spazio: gli allenatori. Da Herrera a Mourinho, da Ballerini a Castagnetti. Proprio il ritratto di quest’ultimo aprirà questa nuova rubrica: sarà la sua allieva prediletta, Federica Pellegrini, a raccontarci la drammatica storia di un uomo che ha contribuito a renderla grande.

    Infine una storia che a molti evoca principalmente uno sguardo: lo sguardo di ghiaccio che Barbara Fusar Poli lanciò al suo compagno Maurizio Margaglio dopo la drammatica caduta alle olimpiadi di Torino 2006. La decisione di gareggiare ancora una volta per tentare di conquistare l’oro olimpico contro tutti e tutto, e il sogno che si frantuma a pochi istanti dalla fine di un’esibizione quasi perfetta. Storie bellissime, intense, storie di atleti contro corrente.